Tu sei qui

La guerra della fame che affligge i poveri del mondo

di Vijay Pradash*
20/06/2018 - 12:38

È impossibile andare da qualche parte in India senza confrontarsi con la terribile enormità della fame. Uno su due indiani va a dormire la notte senza lo stomaco pieno.

Alla periferia di Delhi, che era un tempo terreno agricolo, le baracche ospitano coloro che lavorano in tutta la città. Sono le persone che costruiscono case e case pulite, che costruiscono beni e smaltiscono merci. Una passeggiata lungo le strade delle colonie trans-Yamuna rivela che, nonostante i nuovi edifici, sorgono nuovi tuguri. Un set è costruito lungo un muro sotto l’ombra della metropolitana. Le persone lì mi dicono che erano operai edili per la metropolitana. È allora che si sono trasferiti in questo accampamento. La metropolitana è ora completa. Loro rimangono. Si guadagnano la vita come lavoratori domestici e lavoratori edili.

È mattino presto. I bambini mangiano pezzi di pane. La fame oscura gli occhi degli adulti. La conversazione va sul cibo. “Cipolle e patate sono troppo costose”, dice un uomo. Ha ragione lui. Questo è un riflesso dell’aumento dei prezzi della benzina. Che abbia menzionato cipolle e patate è interessante. Questi sono lussi qui. L’amido è il cibo principale.

Alcuni mesi fa, ho parlato con persone che si erano messe in fila fuori da un furgone. Questo furgone aveva un poster che diceva “Balaji Kunba, una famiglia contro la fame”. Nel corso dell’anno scorso, la Bisoya ha distribuito cibo ai poveri di tutta la città. Sono motivati da un grande sentimento morale, ma non da considerazioni religiose parrocchiali. La figura sul poster è Hanuman, che dicono essere arrabbiato non per questa religione o quella, ma per la fame. Hanuman, dicono, ‘va al tempio per mangiare un ladoo. Va alla moschea per mangiare kheer ‘. Coloro che hanno fame, dice la famiglia, non capiscono la religione.

Guerra e fame

Il rapporto trimestrale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura mostra che i paesi che richiedono assistenza alimentare sono aumentati da 37 a 39. Una combinazione di piogge irregolari e di guerra ha rimosso il cibo dalle case delle persone. I raccolti continuano a diminuire nelle regioni del mondo devastate dai conflitti, luoghi come l’Iraq, il Sud Sudan, la Siria e lo Yemen, così come in alcune parti dell’Africa centrale. “I conflitti hanno soffocato l’attività agricola” in queste regioni, sottolinea la FAO, “dove l’accesso al cibo è ulteriormente ostacolato da un’inflazione in aumento”.

Si stima che nel Sud Sudan, dove il conflitto sembra infinito, 7,1 milioni di sudanesi del Sud abbiano fame tutto il giorno, ogni giorno. Cioè, due su tre persone nel Sud Sudan soffrono di insicurezza alimentare acuta o da emergenza. Questo è un risultato diretto della guerra.

Le cose vanno male in Yemen, dove la guerra di tre anni perseguitata dall’Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi Uniti ha affamato la popolazione. Entro la fine di quest’anno, diciotto milioni di yemeniti (su una popolazione di ventidue milioni di persone) soffriranno la fame. È probabile che la coalizione degli Emirati Arabi catturerà la città portuale di Hodeida sul Mar Rosso e molto probabilmente utilizzerebbe il suo controllo sul porto per bloccare le forniture nel paese. Il 70% del cibo dello Yemen, il cinquanta per cento del suo carburante e la maggior parte delle sue medicine entrano da questo porto. L’assedio del paese sarebbe davvero catastrofico.

Rifiuti e proprietà

Non lontano dalle baracche di Delhi si trova la discarica di Gazipur. Ha la dimensione di una piccola montagna. La spazzatura di Delhi va lì. Mentre il caldo vento estivo si sposta verso ovest, trasporta gli odori rancidi dalla discarica. L’anno scorso, la spazzatura di quella piccola montagna cadde e uccise due persone. È un pericolo sotto molti aspetti.

La discarica ci ricorda i rifiuti prodotti nella nostra società – un fatto notato dal gruppo The Economics of Ecosystems and Biodiversity. Uno stupefacente quaranta percento di tutto il cibo viene perso o perso. C’è più che abbastanza cibo prodotto sul pianeta per tutti i miliardi dei suoi abitanti. Eppure, coloro che non hanno o pochi soldi non possono permettersi di nutrirsi. Quelli senza proprietà sono destinati a morire di fame. Il cibo che non può essere comprato viene buttato via. Anche il cibo in eccesso che non può essere mangiato da chi ha i soldi viene buttato via. È un rimprovero al sistema capitalista che le persone sono costrette a morire di fame se non hanno soldi e che il cibo disponibile è gettato via a causa della disuguaglianza economica.

Quell’odore proveniente dalla discarica invia un altro messaggio importante. Quando il cibo si decompone nella discarica, produce metano. Il metano è molto più letale come gas serra del biossido di carbonio. Uno dei fattori trainanti del cambiamento climatico è, quindi, il cibo sprecato (così come altre sostanze organiche).Guerra, cambiamenti climatici, soldi: questi sono i motori della fame. La terribile atrocità delle guerre nel Sud Sudan e nello Yemen dovrebbe fissare il nostro sguardo sull’epidemia di fame. Ma c’è una guerra silenziosa in corso in luoghi come l’India. Qui, non ci sono bombe che cadono dal cielo. Invece, c’è un altro tipo di bomba che si trova a esplodere in ogni strada, vicino a ogni baracca. Questa è un’idea: l’idea della proprietà privata. Coloro che non hanno proprietà privata lottano per mangiare. Si accalcano insieme nelle loro baracche, non lontano da alberghi e case, da ristoranti e mercati.

* Vijay Prashad è professore di studi internazionali al Trinity College di Hartford, nel Connecticut (USA). È autore di 18 libri, tra cui Arab Spring, Libyan Winter (AK Press, 2012), The Poorer Nations: A Possible History of the Global South (Verso, 2013) e The Death of a Nation and the Future of the Arab Revolution (University of California Press, 2016).

articolo originale: https://newsclick.in/war-hunger-afflicts-worlds-poor

La guerra della fame che affligge i poveri del mondo | AltoTevereNotizie.it

Errore

Si è verificato un errore inatteso. Riprova più tardi, grazie.